/* gtm-popup close button*/ Skip to main content

Conversioni Offline Meta Automatizzate: come usarle per migliorare l’attribuzione delle campagne Online

By Agosto 7, 2022Settembre 7th, 2022Advertising

Vuoi migliorare le performance delle campagne pubblicitarie su Facebook Ads? E chi non vorrebbe 😅In questo articolo parliamo delle Conversioni Offline, un particolare metodo di importazione delle conversioni messo a disposizione da Meta per monitorare il rendimento delle campagne che hanno obiettivi che si realizzano offline (come un acquisto in un negozio fisico). Ma non solo: se ti dicessi che puoi utilizzare le Conversioni Offline anche per migliorare l’attribuzione delle campagne con obiettivi online?

Le campagne di acquisto Ecommerce possono beneficiare degli eventi offline grazie ad un’integrazione fra sito e Meta tramite Make (ex Integromat). Grazie a questa integrazione su un Ecommerce Shopify, l’attribuzione delle conversioni in acquisto verso le campagne è aumentata del 30%, il che ha permesso di avere un ROAS maggiore e un CPA minore e piĂš accurato e in generale avere una visione chiara del ruolo di Meta Ads nell’intero ecosistema pubblicitario.

Come importare le Conversioni Offline

Esistono diversi modi per caricare i dati relativi agli eventi offline. Puoi automatizzare i caricamenti con l’API Offline Conversions o con un’integrazione di partner, oppure puoi caricare manualmente i tuoi dati in Gestione eventi di Meta.

Per caricare manualmente le Conversioni Offline basta effettuare l’upload delle conversion tramite file csv su Gestione Eventi > Default offline Event. Nel caso dell’utilizzo tradizionale di questa funzionalità, sarai in grado di capire quanti clienti hanno convertito nel punto vendita fisico dopo aver visto le ads.

Per conoscere tutti i passaggi, segui la guida ufficiale

Come importare le Conversioni Offline per l’online

Capiamo ora come utilizzare la funzionalitĂ  delle Conversioni Offline per ottimizzare le campagne online.

Se ti dicessi che è possibile utilizzare un tool per automatizzare il caricamento delle conversioni che avvengono sul tuo ecommerce?

Esatto, proprio cosĂŹ. Per farlo puoi utilizzare Make.

In pratica

Creare l’integrazione è semplice. Per prima cosa devi creare un account Make da qui: make.com

Buona notizia! Le prime 1000 interazioni ogni mese sono gratuite. Puoi provare Make senza spendere 1€.

Una volta eseguito l’accesso, vai su “Create a new scenario”

Clicca sulla “+” per aggiungere una prima connessione. In questo esempio vedremo come connettere Shopify. Il numero di connessioni a disposizione è davvero ampio, ti suggeriamo di iscriverti e dare un occhio alle integrazioni a disposizione per capire se anche il tuo sistema può essere integrato.

Una volta selezionato Shopify dalla lista delle integrazioni, seleziona la tipologia di attività che vuoi effettuare, nel nostro caso dovremmo controllare l’arrivo di nuovi ordini tramite la funzione “Watch Orders”.

A questo punto tramite il tasto “Add” dovrai collegare il tuo account Shopify, inserendo il tuo indirizzo my shopify e loggandoti all’account tramite una procedura guidata.

Una volta creata la connessione, dovrai indicare a Make quali ordini importare tramite il campo “Status” (lo stato dell’ordine), “Fulfillment” (lo stato di adempimento dell’ordine) e il numero limite di ordini da importare. Qui il consiglio è di impostare l’integrazione come da screen.

Integrazione a Shopify creata, è ora di passare all’integrazione di Facebook. Clicca “+” per aggiungere una nuova integrazione.

Seleziona “Facebook Offline Conversions”.

Clicca su “Add” per collegare Make con l’account Facebook dove risiede il Business manager.

Dovrai ora mappare i dati provenienti da Shopify con i dati richiesti da Facebook per registrare una nuova conversione Offline.

In questa tabella riportiamo i vari match:

Dato Facebook Offline conversion Dato Shopify
Event time Created at
Value Total price
Currency Currency
Phone Customer Phone
First name Customer First name
Last name Customer Last name
City Customer defaul adress city
Country Customer defaul adress country
Third party User ID User ID
Client IP adress IP Adress
Order ID Order ID

L’event name dovrà essere Purchase.

Non ti rimane che pianificare questa sincronizzazione, nel nostro caso è sufficiente sincronizzare ogni 60 minuti, e attivarla spostando il selettore “Scheduling” su On.

Su Facebook in Gestione eventi troverai una nuova origine dei dati che, con il passare delle ore, si popolerĂ  con nuovi eventi di Acquisto.

Vuoi migliorare le performance di Facebook?

Scopri cosa possiamo fare per far cambiare marcia al tuo business grazie alla pubblicitĂ  su Facebook e Instagram.

Consulenza Facebook Ads

Come leggere i dati da Gestione Inserzioni

Una volta create le Conversioni Offline, queste andranno associate alle inserzioni delle campagne Facebook Ads.

La connessione si trova all’interno degli annunci, nel passaggio finale prima di pubblicare una campagne si associa il dominio, il pixel di Facebook e anche le Conversioni Offline:

Per visualizzare i report relativi a questi dati devi selezionare, dal pannello Gestione Inserzioni, “Personalizza Colonne”. Tra le opzioni troverai la categoria “Offline”con tutti gli eventi offline, ovviamente vedrai conteggiati soltanto quelli che hai inserito nel tuo file di azioni.

Se stai facendo campagne di Conversione ottimizzate per Acquisto: i Risultati,il Costo per Risultato e il Roas relativo agli acquisti sul sito web non considerano i dati tracciati dagli Eventi Offline. Però, se nelle Colonne Personalizzate, selezioni gli Acquisti, il Costo per Acquisto e il Roas relativo agli acquisti, potrai avere una visione aggregata del Pixel, del tracking server side API Conversions e delle Offline Conversions.

Questo comporterĂ  un numero maggiore di acquisti, un abbassamento del CPA ed un ROAS maggiore.

Spoiler: le Conversioni Offline le puoi configurare anche per Google Ads.

Leave a Reply

Leave a Reply